Author Archives: Agnese

#GRAZIEMissVoc2019

Category : Giovani

Sabato 16 e domenica 17 febbraio con un gruppo di 18 giovani consacrati ci siamo incontrati,  nelle parrocchie di Castano Primo e Buscate (MI), per vivere momenti di preghiera e di riflessioni sulla parola Grazie, ci siamo lasciati interrogare dal versetto del Vangelo di Luca 17,11-19: “uno di loro tornò indietro per ringraziare”.

Insieme a 7 seminaristi della diocesi di Milano, 5 frati cappuccini, 2 sorelle Orsoline, 2 sorelle di Maria Ausiliatrice ci siamo inseriti all’interno di una proposta vocazionale. Nelle due giornate, abbiamo incontrato i diversi gruppi parrocchiali: dai piccoli agli adulti e con loro, in modalità diverse, abbiamo raccontato la nostra esperienza vocazionale, ci siamo lasciati provocare ed interpellare dalle loro domande e noi stessi abbiamo cercato di provocare chi avevamo davanti.

Due giornate intensissime, piene di tanta gioia e impegno da parte di tutti.

Ascoltare e raccontare la propria esperienza di vita cristiana e vocazionale per noi, suore cottolenghine, è stato un’occasione di ricchezza e conferma del nostro bellissimo carisma.

Il Signore ha fatto grandi cose per noi, non ci ha lasciati mai soli. La Divina Provvidenza ci sta guidando a essere più consapevoli che da soli non arriviamo da nessuna parte.

E’ insieme che costruiamo il futuro! Perché anche noi siamo “l’adesso di Dio”, l’epifania del Signore.
La comunione fraterna e la condivisione dei nostri carismi è il modo migliore per rendere presente Dio nel mondo.

Ringraziamo la Divina provvidenza che ha fatto sì che noi potessimo partecipare a questa bellissima esperienza. Ringraziamo la Congregazione che ci ha chiamate a questo servizio, ringraziamo le nostre comunità di Cerro Maggiore e Mappano, che ci hanno accompagnato con la preghiera e ci hanno permesso concretamente di assentarci dalle nostre realtà.

Deo Gratias!

Sr Elishiphah e Sr Vicky.


Madre Elda in Africa

A Nairobi, dal 7 al 10 febbraio, si è vissuto con gioia, in uno spirito di fattiva collaborazione e di sinodalità  l’incontro delle Responsabili di comunità con la Superiora della Delegazione Africa, sr Loredana, Madre Elda, la Vice Madre sr Mirella e la Consigliera sr Luisa.

Sono stati giorni di Formazione e approfondimento sul tema dedicato al Servizio di Autorità, di confronto e verifica sulle linee guida della Delegazione  e ulteriore programmazione.

Hanno partecipato le responsabili delle comunità del Kenya di:

Nairobi  (Madre Nasi) – sr Ann Gatwiri Murungi

Nairobi (Cottolengo ) – sr Agnes Muthoni

Chaaria – sr Carla Ferrero

Gatunga – sr Joan Aurelia Mwakaciu

Mukothima – sr Dorothy Muthoni Karani

Tuuru – sr Anastasia Kagendo Nkubitu

Le responsabili delle comunità in Tanzania di:

Kisarawe – sr Beatrice Karwirwa Kinoti

Vingunguti – sr Rose Nancy Igoji

Tobora – sr Mary Karimi Gitirikia

                                                                 Deo Gratias!


Coincidenza o provvidenza?

Category : Vita di famiglia

Una Parrocchia dedicata al nostro Santo, San Giuseppe B. Cottolengo, nel cuore della Contea di Muranga, Diocesi di Nyeri, in Kenya. La sua costruzione risale al 1923. Questa bella “scoperta” è stata fatta da alcune nostre Sorelle nel mese di settembre 2018, andando in quella parrocchia per un incontro – testimonianza vocazionale.

Coincidenza o Provvidenza?

La festa parrocchiale viene celebrata il 30 aprile, festa del nostro Santo e giorno in cui tutte le realtà cottolenghine ricordano la nascita al cielo del nostro Fondatore.

Quest’anno, la festa del Santo sarà arricchita da questa nuova realtà che ci fa sentire ancora di più chiesa nella Chiesa di Dio, famiglia nella grande famiglia del Popolo di Dio.


JMJ Panama 2019

Category : Giovani , Vita di famiglia

I giovani di Porto Viejo hanno partecipato alla Giornata Mondiale della Gioventù a Panama, dal 22 al 27 gennaio, accompagnati da Sr Venus.

“Neppure la vita che Dio ci offre è un tutorial con cui apprendere l’ultima novità. La salvezza che Dio ci dona è un invito a far parte di una storia d’amore che si intreccia con le nostre storie; che vive e vuole nascere tra noi perché possiamo dare frutto lì dove siamo, come siamo e con chi siamo.”

Queste le parole di Papa Francesco durante la veglia del 26 gennaio

                                                            
                                         

“…Stando di fronte a Gesù, faccia a faccia, abbiate il coraggio, non abbiate paura di aprirgli il cuore, perché Lui rinnovi il fuoco del Suo amore, perché vi spinga ad abbracciare la vita con tutta la sua fragilità, con tutta la sua piccolezza, ma anche con tutta la sua grandezza e bellezza. Che Gesù vi aiuti a scoprire la bellezza di essere vivi e svegli. Vivi e svegli.


Non abbiate paura di dire a Gesù che anche voi desiderate partecipare alla sua storia d’amore nel mondo, che siete fatti per un “di più”!”

Il cammino fatto insieme in questi giorni sia segno e profezia, gli incontri fatti siano davvero intrecci di storie che insegnano a scoprire la Bellezza accanto alla fragilità!

Deo Gratias!



Auguri Piccola Casa!

Category : Vita di famiglia

In occasione dei 190 anni della Piccola Casa, e della giornata mondiale del povero domenica 18 novembre si è svolta per le vie di Torino una grande festa. Iniziata alle 15 con un momento in musica nella chiesa del Corpus Domini, per poi spostarsi in Piazza Castello accompagnati dal corpo musicale Coassolo San Pietro. Nella piazza ad accoglierci una grande torta e la band Pankalieri, che ci ha permesso di ballare e divertirci!

In contemporanea la mostra “CON I MIEI OCCHI”, ha permesso di fermarsi e di riflettere, per riscoprire, ancora una volta che possiamo cambiare il nostro sguardo, e vivere la vita guardandola anche con gli occhi di chi ci è accanto, scoprendo nella condivisione la bellezza delle nostre giornate!

Alle ore 18 la celebrazione eucaristica presieduta da Mons. Cesare Nosiglia e animata dalla comunità snt’Egidio ha permesso di portare alla mente e al cuore un altro Sguardo, che ama per ciò che si è e non per ciò che si ha.

E per concludere in bellezza il pomeriggio, cena di condivisione con la comunità sant’Egidio!


La Parola e le parole…ma le parole cambiano!

Category : Formazione

Dal 19 al 23 novembre abbiamo partecipato a Collevalenza al convegno organizzato dalla CISM dal titolo: La Parola e le parole…ma le parole cambiano, educarsi ai nuovi linguaggi.

Il Convegno ha affrontato da varie prospettive il tema del linguaggio, in questo tempo nel quale è sempre più evidente la distanza tra generazioni nella comprensione del reale è più che mai urgente e attuale una riflessione su tale tematica; stimolanti e originali le proposte di confronto sia da parte dei relatori che nei momenti di laboratori a gruppi. Oltre che una preziosa occasione di riflessione, il Convegno è stato anche una bellissima opportunità di incontro e di condivisione con realtà diverse di vita consacrata. Una scoperta della diversità e singolarità di ogni carisma per arrivare, nuovamente a riconoscere l’unicità di una chiamata ad esprimere la gioia del Vangelo.

Condividere tutto non è possibile, nella speranza di poterlo fare al più presto di persona, almeno con qualcuno, ecco alcuni pensieri preziosi che ci hanno colpito e accompagnano il nostro ritorno a casa, insieme al desiderio di trasformare con l’aiuto del Signore quanto abbiamo sentito in Bene per la nostra missione.

“Il Vangelo non è una chiave di lettura che permette di capire ‘meglio degli altri’, noi siamo in mezzo agli altri. E’ una speranza che portiamo nella fatica di una storia che riguarda TUTTI” – Prof. Antonio Sichera

“I giovani non sono un problema da incasellare… piuttosto che increduli, sono genuinamente critici nei confronti delle formule scontate con cui viene annunciato il credo religioso ed esigono che i loro interlocutori parlino il linguaggio genuino, antico e sempre nuovo dell’esperienza della relazione” – Dott.ssa Rosaria Lisi

 

“Nell’incontrare i giovani Gesù si coinvolge con il Suo corpo, ordina ai giovani di alzarsi e di prendere in mano la propria vita” – Dott.ssa Rosaria Lisi

 

 

“Ragionare sul tema del linguaggio ha a che fare con una trasformazione profonda di quello che siamo. Abitare lo spazio che è il mondo, trovandosi a proprio agio in esso, cercando di esprimere la tua voce, che ti permetterà di essere riconoscibile, senza preoccuparti dei numeri.” – Don Cristiano Mauri

 

Torniamo alla nostra quotidianità convinte che la vita parla più forte delle parole e permettendo al Vangelo di parlare attraverso i nostri gesti, la nostra mente, il nostro corpo, il nostro cuore per dire in modo nuovo ai giovani e a tutti coloro che il Signore ci dona di incontrare ogni giorno: “Tu sei amato!”.

Buon Cammino!


Commemorazione di Suor Maria Carola

Category : Eventi

Domenica 11 novembre 2018

“Read More”


Frase del Santo

L’allegria non ha mai guastato la santità